Silvia Fanzutti tecnico competente in acustica milano

Tecnico Competente in Acustica
Menu

L'adozione del Regolamento Edilizio del Comune di Milano del 2016 ha portato all'obbligo della redazione della Verifica Previsionale di Clima Acustico per cambio di destinazione d'uso verso la destinazione residenziale. L'articolo 119 indicava:

Art.119 CLIMA ACUSTICO 1. Al fine di consentire la valutazione dell’esposizione al rumore dei recettori, i progetti degli interventi di seguito elencati devono essere corredati da un Documento di valutazione previsionale del Clima Acustico, redatto da Tecnico competente in acustica ambientale nel rispetto delle norme vigenti in materia di tutela dall’inquinamento acustico: a) interventi di sostituzione (demolizione e ricostruzione); b) interventi di nuova edificazione escluso l’ampliamento dei manufatti edilizi esistenti; c) interventi di ristrutturazione urbanistica; d) interventi di mutamento di destinazione d’uso, anche di singole unità immobiliari, in usi abitativi, attività scolastiche, ospedali, cliniche o case di cura. Per gli interventi da attuare mediante Piani o Programmi la proposta del piano o programma deve essere corredata dal Documento di valutazione previsionale del Clima Acustico. 

Recentemente c'è stato una riorganizzazione di tali disposizioni, contenute nella Disposizione di Servizio n 11/2018 del 6 settembre 2018, che dispone che 

Per interventi in edifici a destinazione prevalentemente residenziale che comportano :

- mutamento di destinazione d'uso;

- recupero del sottotetto;

- recupero dei seminterrati a fini abitativi

non occorre la valutazione previsionale di Clima Acustico, ma solo la documentazione che dimostri l'effettiva destinazione precipuamente residenziale dell'edificio nel quale avviene il cambio d'uso o il recupero.

 

 

 

 

I comuni hanno disciplinato gli iter autorizzativi relativi alle sorgenti sonore potenzialmente disturbanti principalmente in fase di redazione del Piano di Zonizzazione Acustica del Comune, in generale nelle Norme Tecniche Attuative del Piano.

E' compito dei comuni disciplinare i criteri di autorizzazione ai regimi di deroga ai limiti previsti dalla legge 447/1995, limitare i rumori molesti (suono delle campane..), stabilire le procedure di verifica dei documenti previsti dalla legge quadro per le nuove edificazioni e per l'apertura di attività produttive e commerciali potenzialmente rumorose. I Comuni stabiliscono anche le modalità di verifica in caso di esposto dei cittadini per sospetto superamento dei limiti acustici.